PROGETTO SPORTIVAMENTE UNITI

Il progetto “Sportivamente Uniti” si propone di promuovere la disciplina della pallacanestro come mezzo di inclusione sociale attraverso lo sport. Sean Cooperativa Sociale e associazione sportiva dilettantistica Dukes Basket Sansepolcro pongono come obiettivo primario quello di stimolare nei ragazzi con difficoltà il senso di aggregazione e di inclusione che combatta l’emarginazione e l’autoesclusione, dando vita a una coscienza civica e sociale nel territorio. La persona in situazione di disagio viene incentivata ad accedere al mondo dello sport perché viene vista come un soggetto che, come tutti, ha diritto a sviluppare le proprie capacità fisico-motorie, intellettuali e sociali.

 

Il progetto di “Sport senza barriere” riguarda non solo le persone con disabilità, ma anche le loro famiglie, gli amici e le istituzioni. Le fasi  e attività previste sono le seguenti:

Attività a) 

Mercoledì - preparazione del materiale per gli esercizi. Allenamenti specifici, mediante l’uso di attrezzature quali birilli, cerchi e materassi. I ragazzi eseguono gli esercizi volti a migliorare la coordinazione, l’equilibrio e l’attenzione. Allenamento specifico nella disciplina della pallacanestro, con insegnamento delle varie regole e schemi. Esercizi di tiro libero e di palleggio, cura del sé e dell’autonomia. Soggetti con disabilità medio-grave coinvolti: 6;  durata: un’ora e 30 minuti.

Attività b)

Venerdì - preparazione del materiale per gli  esercizi. Allenamenti specifici, mediante l’uso di attrezzature quali birilli, cerchi e materassi. I ragazzi eseguono gli esercizi volti a migliorare la coordinazione, l’equilibrio e l’attenzione. Allenamento specifico nella disciplina della pallacanestro, con insegnamento delle varie regole e schemi. Esercizi di tiro libero e di palleggio, partita di allenamento, cura del sé e della autonomia. Soggetti con disabilità lieve coinvolti: 6; durata: 2 ore. Nelle attività di allenamento vengono impiegati 3 animatori motori sportivi Sean, 2 atleti partner della Dukes, un coach e un aiuto coach della Dukes.

Attività c)

Sabato e/o domenica partite ufficiali. Organizzazione delle partite in casa e trasferta, soggetti coinvolti con disabilità lieve: 6; medio/grave: 6. Durata: a seconda delle partite o tornei e del luogo del loro svolgimento, la durata dell’impegno può variare da 2-3 ore, se in casa, fino all’intera giornata per le trasferte più lunghe, oppure un weekend per i tornei nazionali.

Il progetto dovrà, in futuro, creare una rete di soci sostenitori (familiari dei disabili, amici, conoscenti... ), sponsor, amministrazioni locali, che lo sosterranno economicamente. Sarà fondamentale organizzare appuntamenti calendarizzati per raccogliere fondi per la sostenibilità del progetto tipo: cene sociali, manifestazioni pubbliche e giornate di sport insieme alla cittadinanza. In questo saranno fondamentali, oltre all’organizzazione interna del gruppo, anche la rete con le istituzioni e la strategia divulgativa e pubblicitaria del progetto. Sarà necessario anche l’apporto dei servizi sociali, che preveda l’inserimento di figure professionali specifiche nel progetto (educatori professionali, animatori e assistenti alla persona), le stesse che conoscono e seguono quotidianamente le persone con disabilità inserite nel gruppo sportivo, le quali saranno formate attraverso corsi specifici di animatori sportivi.