ANZIANI

Gli anziani sono persone immerse in un eterno presente e quindi anche i progetti che ad essi si rivolgono non possono avere un’ottica di prospettiva di medio e lungo termine, per cui il lavoro da impostare con essi ha per obiettivo quello di vivere nel miglior modo possibile attraverso i seguenti punti fondamentali:

  • o garantire al soggetto anziano un ambiente di vita sano e confortevole perché possano sussistere i requisiti igienico–ambientali per la permanenza presso la sua abitazione.
  • o stimolare l’anziano a una corretta attività mentale e fisica (interesse per la propria persona e le proprie cose, mantenimento e recupero di attività sociali, culturali e relazionali, educazione a una corretta e sana alimentazione ecc.) e all’acquisizione o al mantenimento delle autonomie personali/sociali di base.
  • o favorire la permanenza dell’anziano nel proprio contesto socio – culturale, riducendone l’isolamento e gli atteggiamenti di passività e dipendenza anche attraverso un coinvolgimento della famiglia e, in generale, di una più ampia rete sociale.
  • o sostenere e migliorare l’equilibrio della quotidiana convivenza familiare a coloro che accolgono la persona anziana, supplendo a bisogni che nel tempo diventano insostenibili alle stesse figure parentali che vi si dedicano.
  • o ridurre i casi di ricovero e istituzionalizzazione a situazioni non altrimenti risolvibili, attraverso azioni volte a prevenire la non autosufficienza. L’allungamento della vita è legato a un aumento di patologie invalidanti legate al fenomeno dell’invecchiamento; particolare attenzione dovrà essere prestata agli anziani con demenza (in particolare con l’Alzheimer) e alle loro famiglie, essendo esse il principale soggetto che dedica cura e attenzione al malato.

 

LA GESTIONE DEI CENTRI DIURNI DI ANGHIARI, BADIA TEDALDA E CAPRESE MICHELANGELO

Il centro diurno è inteso come luogo di occasioni che favoriscono lo sviluppo di rapporti sociali in una dimensione partecipativa. È il luogo più adeguato nel quale poter recuperare potenzialità e ricercare soluzioni ai problemi dell’anziano, coinvolgendolo attivamente nel processo di aiuto. Il “codice relazionale" consente di trasmettere all'anziano precisi segnali sulla sua identità per compensare la sua sensazione di marginalità, isolamento ed esclusione, al fine di restituirgli dignità sociale. E il territorio diviene la sede per la progettazione di questi momenti di sostegno, perché l'anziano è considerato come un soggetto che continua il suo percorso evolutivo, anche se lentamente, in quanto maggiormente impegnato nel mantenere le sue capacità residue. Il filone ludico-espressivo-ricreativo è quello che meglio risponde alle particolari esigenze attraverso attività manuali, motorie e in grado di tenere in attività anche il cervello. Fra le attività manuali, vi sono senza dubbio la pittura e la creazione di oggetti, mentre fra le motorie rientrano quelle tendenti a migliorare la condizione fisica degli anziani e a curare la loro igiene personale. Un’attività che fa sentire ancora utili gli anziani è quella di riordinare le cose, apparecchiare e sparecchiare la tavola. Per ciò che riguarda la residenza assistita di Anghiari, sono previste anche uscite e gite. L’obiettivo primario di una struttura residenziale è costituito dalla risposta alle esigenze alimentari e di cura della persona: vale per i soggetti che non sono in grado di provvedervi autonomamente. La finalità caratterizzante di queste strutture residenziali è l’inserimento nel contesto sociale attraverso l’acquisizione e il mantenimento di abilità di vita quotidiana e di comportamenti adeguati all’interno e all’esterno della struttura, incentivando il più possibile l’autonomia personale.

 

Assistenza Domiciliare

 

Riguarda anziani, disabili fisici e psichici e persone con svantaggi sociali. Il servizio offre un aiuto come risposta ai problemi quotidiani della persona e come momento di supporto domestico, relazionale e di mantenimento della salute psico-fisica, attraverso un rapporto professionale e umano. Il servizio comprende una serie di interventi aventi l’obiettivo di mantenere nel proprio ambiente familiare soggetti ad alto rischio di istituzionalizzazione. Questa forma di assistenza consiste nel disbrigo delle faccende domestiche, nell’espletamento di pratiche per persone che non possono muoversi, nell’assistenza infermieristica di base e nell’intrattenimento amichevole, allo scopo di mantenere l’orientamento nel tempo e nello spazio. L’assistenza domiciliare risponde alle esigenze emergenti di una continua ricerca di soluzioni, volte al miglioramento della qualità della vita.

IL PROGETTO PRONTO BADANTE

È nato per fornire una risposta delimitata nel tempo, ma efficace e tempestiva, riferita al disagio e alla emergenza di persone - anziani e loro famiglie - che si ritrovano in condizioni di non autosufficienza, anche se temporanea e reversibile come quella a seguito di una frattura. Si tratta in particolare di patologie legate al progressivo invecchiamento della persona, non solo dal punto di vista fisico: spesso, infatti, sono determinate da dispiaceri (la perdita di un coniuge o di un parente al quale era molto affezionato), ma per la maggior parte dipendono dalle sopraggiunte condizioni di non autosufficienza, che rompono in automatico equilibri e certezze presenti fino a quel momento. La famiglia si ritrova di conseguenza destabilizzata e deve prepararsi a fronteggiare l’inedita situazione di fragilità del congiunto con un intervento diretto dell'operatore nell'abitazione, in modo da garantire un unico punto di riferimento sui percorsi socio-assistenziali e un sostegno economico per attivare un rapporto di assistenza familiare con una badante. Questo passaggio risolve il problema della gestione in solitudine delle famiglie, lontane dalle reti di supporto e lo fa con l’impiego di operatori qualificati e grazie all’intervento attivo della comunità territoriale. Il progetto “Pronto badante” è della zona distretto di Arezzo insieme alla Cooperativa progetto 5.

Per le informazioni sul progetto “Pronto badante”:

- mercoledì dalle 11 alle 13 negli uffici di Sean, in via XX Settembre 65 a Sansepolcro;

- martedì e giovedì dalle 9 alle 10 nei locali della Rsa di Badia Tedalda.

IL PROGETTO “UNIVERSO SOCIALE”

Universo Sociale Onlus di Confartigianato nasce allo scopo di promuovere e sviluppare interventi e progettualità in tutti quei settori che presentano aspetti di problematicità o di disagio sociale. Svolge un’azione di coordinamento e gestione delle politiche sociali nel territorio e promuove una linea di collegamento e collaborazione fra il mondo dell’impresa e quello del terzo settore. Universo Sociale Onlus, organismo di Confartigianato Imprese, ha dato a SEAN l’incarico di prestazione del servizio socio-assistenziale domiciliare da erogare a persone non autosufficienti, residenti in Valtiberina. A ogni persona sono assegnate cento ore di assistenza SAD da spendere secondo i propri bisogni con una programmazione condivisa con il coordinatore della cooperativa e l’assistente sociale di riferimento. "Universo Sociale Onlus" è un'associazione non lucrativa di utilità sociale, iscritta all'anagrafe unica delle Onlus. L'associazione persegue finalità di solidarietà sociale e si propone lo svolgimento di attività nell'ambito dei settori così come individuati ai sensi del decreto legislativo 04/12/1997 n. 460. Per sostenere i bisogni sociali è anche abilitata alla raccolta del 5x1000.

Lorem ipsum dolo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Maecenas ornare diam nec massa aliquet, vel rhoncus purus commodo. Integer dapibus consequat ligula id ornare. Nulla cursus scelerisque orci eget ultrices. Nam pellentesque tincidunt ullamcorper. Nunc porttitor felis lectus, non posuere ante tincidunt euismod. Vestibulum sit amet lorem non augue fringilla efficitur.


Phasellus semper sit amet tortor ac fringilla. Nullam tempor sapien id purus sollicitudin, et bibendum sapien sollicitudin. Nullam semper tellus odio, a rutrum tortor tincidunt sit amet. Aenean quis ipsum nec quam hendrerit maximus. Maecenas vitae volutpat mi, et porta enim. Nunc volutpat orci at est mollis bibendum. Pellentesque sodales facilisis odio, eu laoreet ex maximus vitae. Sed pharetra tellus vitae metus egestas pulvinar. Nullam nec viverra ipsum.


Phasellus semper sit amet tortor ac fringilla. Nullam tempor sapien id purus sollicitudin, et bibendum sapien sollicitudin. Nullam semper tellus odio, a rutrum tortor tincidunt sit amet. Aenean quis ipsum nec quam hendrerit maximus. Maecenas vitae volutpat mi, et porta enim. Nunc volutpat orci at est mollis bibendum. .